Quanto è importante aggiornare il proprio sito?

Quanto è importante aggiornare il proprio sito?

Uno degli errori più comuni di chi ha un sito web, è di non rinnovarlo. Una volta creato e pubblicato online, ci si dimentica di mantenerlo aggiornato. In questo modo però penalizzate non solo la vostra presenza online, ma anche la vostra realtà aziendale nel suo aspetto più concreto. Sono diverse le ragioni a sostegno di questa affermazione.



Innanzitutto poniamoci nella prospettiva di essere un utente che per la prima volta vede la vostra realtà sul web. Immaginate di essere alla ricerca di un hotel per agosto 2020 e di vedere una struttura che vi piace e che potrebbe fare al caso vostro.

Andate sul sito e come titolo appare “Prezzi 2014”.... Cosa fareste? Molto probabilmente chiudereste la pagina e cerchereste altrove…



Peccato però che quell'hotel in realtà abbia disponibilità per quel periodo. Ma in questo modo si è visto sfumare un'occasione per un contatto (e una possibile prenotazione).



Questo discorso può essere esteso a tutti i settori di mercato.

E’ utile e necessario fornire informazioni sul proprio sito in caso di:

  • una nuova legge specifica nel vostro settore;
  • un nuovo prodotto o servizio che offrite ai clienti;
  • eventi e notizie locali interessanti;
  • aggiornamento della rassegna stampa a voi dedicata

Non dimentichiamoci poi della percezione del brand. Con tutte queste informazioni mostrerete maggiore professionalità e attenzione ai dettagli. Un punto da non sottovalutare per differenziarsi dalla concorrenza. 


Ma come ragiona un motore di ricerca (che sia Google, Bing o altri)?

Ognuno di essi ha degli automatismi detti “algoritmi”e tra questi c’è quello che apprezza gli aggiornamenti, cioè è in grado di ottimizzare e mettere ai primi posti le pagine aggiornate con contenuti univoci.



Ultimo punto rilevante, è determinato dall' adeguamento del sito alle nuove tecniche. Il motore di ricerca e l'utente stesso prediligono un sito web usabile e di facile comprensione, adatto per essere visto dai dispositivi mobile (smartphone e tablet).

Ecco perché un sito web creato con la tecnica del 2010, non risulta più dinamico ed è necessario adattarlo con gli ultimi aggiornamenti.