Pubblicità online Vs pubblicità cartacea: strategie a confronto

Pubblicità online Vs pubblicità cartacea: strategie a confronto

La pubblicità sta alla base dell’attività imprenditoriale. Chi opera nel settore sa bene che un prodotto di qualità ha bisogno di essere presentato al meglio per far sì che il proprio business decolli e affinché si mantengano standard elevati nel lungo periodo. Quale scegliere? Pubblicità digitale o stampata? Vediamo i pro e i contro delle due opzioni.

La pubblicità cartacea
La promozione attraverso volantini, giornali e qualsiasi altro supporto cartaceo conserva ancora il suo potenziale e il suo fascino. Vanno considerati i pregi dell'interazione umana e l’impatto visivo; al contempo si fa leva sul senso tattile che trasmette concretezza e stabilità. Un altro punto a favore del cartaceo è la capacità di raggiungere quei clienti penalizzati dal divario digitale. I costi rappresentano un primo limite: oltre al copywriting occorre considerare il prezzo della stampa. Si pensi anche all'impatto ambientale che può influire notevolmente sulle scelte di molti clienti con sensibilità ecologista. Scordiamoci, inoltre, della possibilità di apportare modifiche a stampa e distribuzione avvenute. Infine, il fatto che il materiale promozionale venga pubblicato e distribuito non significa necessariamente che sarà anche consultato: il cestino può essere un’opzione di fronte ad un vero e proprio spamming cartaceo.

La pubblicità online
Viviamo nell'epoca dell'utente iperconnesso. Quasi ogni famiglia possiede almeno un dispositivo utilizzato attivamente. Investire nella pubblicità web consente di raggiungere un'ampia fascia di clienti superando i vincoli spazio-temporali. Ai costi contenuti rispetto al cartaceo e alla possibilità di modifiche successive, si aggiunge la possibilità di trasmettere messaggi mirati a fasce di utenti ben precise. Ma oltre al già citato divario digitale, la pubblicità online anche in questo caso può essere filtrata e bloccata dall'utente.

Non esiste una ricetta predefinita; occorre analizzare il settore in cui si opera e valutare attentamente ogni decisione. Le due opzioni non sono necessariamente nemiche l'una dell'altra, anzi. Molto spesso si completano a vicenda e costituiscono un mix vincente per il proprio business.

Continua a seguirci